Passa ai contenuti principali

Giovani, belli e soprattutto inglesi

Con questo post inizio una nuova rubrica in collaborazione con Sandrina del mio cuore che  avrà cadenza un po' quando ci pare, in cui abbiamo intenzione di mettere a confronto di volta in volta due diversi bei manzi dello star system a condizione che siano rigorosamente britannici e voi potrete votare per l'uno o per l'altro! I due candidati che inaugureranno la rubrica sono stati scelti perché un po' di tempo fa in una camera d'albergo di Roma io e Laura abbiamo partecipato ad un accesso dibattito su una nodosa e delicata questione : chi è meglio tra Ed Westwick e Robert Pattinson? Questi sono i veri problemi, altro che la fame nel mondo! Sono sicura che come noi altre migliaia di persone si interrogano sulla questione, o forse no,  ma tanto a noi che importa? Quindi signore e signori all'angolo rosso abbiamo Ed Westwick aka Chuck Bass di Gossip Girl e all'angolo blu Robert Pattinson meglio conosciuto come Edward di Twilight. Dopo che verranno sottoposti ai nostri spietati giudizi solo uno ne uscirà vincitore, chi sarà?


    ED WESTWICK     


Classe 1987, Ed Westwick ha ancora uno svantaggio rispetto allo zannuto collega: se si pronuncia il suo nome al cospetto di gente inopinatamente disinformata su di lui, è piuttosto probabile che si riceva una risposta quale Edchiiii?
Infatti il suo ruolo più noto, e ancora iconico nonostante lo show che lo ospita, Gossip Girl, sia lentamente caduto in rovina, è quello di Chuck Bass. Anche chi non ha mai visto il teen drama CW, infatti, conosce il fittizio miliardario newyorchese. Come Pattinson, però, Westwick si dà da fare: è lui il segretario di Di Caprio in J.Edgar - ruolo minuscolo, ma Eastwood è Eastwood, sempre lui sarà Mercutio nel Romeo & Juliet che è stato girato (anche) in Italia, noi donne siamo sicure che saprà conquistarci anche con la parrucchina à la Marzullo che è stato costretto ad indossare.


PRO                                                                                              
E' talmente bello che quando lo guardi non presti più attenzione a ciò che dice, quindi anche nel caso in cui dovesse rivelarsi un deficiente non ve ne accorgereste. 
Ha un animo rock, faceva persino il cantante e insomma i musicisti sono sexy.
Sprigiona self-confidence da tutti i pori e per me la sicurezza in se stessi è importante.
Quando vuole ha un modo di vestirsi alla Pete Doherty davvero niente male.
Non fatevi ingannare dall'arroganza del personaggio che l'ha reso celebre, lui è un tenero fiore.
L'ho già detto che è sexy?
Plus, anche se ho sempre sperato che si mettesse con la collega Leighton Meester, è in realtà single.

CONTRO
Fuma.
Da vero inglese beve un po' troppo.
E' un po' tamarro inside, quindi a volte può uscirsene con degli outfits che farebbero impallidire chiunque.
Se non vi piacciono i tatuaggi potrebbe essere un problema
In più, ha il tremendo vizio di portare  anelli-patacche al mignolo.

ROBERT PATTINSON



Ciuffo simil-ramato dotato di vita propria, colorito un po' pallido e quindi molto British, l'aria da bohemien con stile che ben si sposa sia coi completi Dior sia con le tenute da accattone che hanno le star quando credono di non essere fotografate, Robert Pattinson ha una filmografia piuttosto ricca per uno che prima di Twilight non era quasi nessuno. Il suo primo ruolo da ribalta planetaria è stato quello di Cedric Diggory nel quarto film di Harry Potter, ma è stato solo col vampiro sbriluccicante di Twilight, film del 2008 tratta dal primo libro della saga di succhiasangue romantici più venduta di sempre, che l'attore londinese è diventato una star, anzi un brand, al punto che ne è stata scritta una biografia quando lui aveva qualcosa come venticinque anni (e qualcuno l'ha persino letta).
Dopo essere stato il vampiro e poi il cornuto più famoso del pianeta, oggi Pattinson sta cercando di rifarsi una verginità, cinematografica naturalmente, con film seri (va bene, escludiamo Bel-Ami e pure Acqua agli Elefanti, ma Cosmopolis era serio secondo quelli che l'hanno capito) e probabilmente sta anche pregando che Max Irons lo soppianti nel cuore di svariati milioni di teen agers sparse per il globo. Ce la farà? Ai posteri l'ardua sentenza.

PRO
Sembra umile e con i piedi per terra
Anche lui come il suo rivale è un musicista e ripeto questo è sempre un punto in più per quel che mi riguarda
Ama gli animali e i bambini e si dà anche alla beneficenza
Ha un'animo sensibile e dei sani valori
E' un po' un antidivo, non se la tira affatto, cosa non da poco nel mondo dello star system
Cosa scontata, ma non per questo da non inserire : è un gran  bel manzo

CONTRO
E' un po' troppo timido
E' sempre preso nel tira e molla con la fidanzata storica Kristen Stewart
E' un insicuro
E' praticamente irraggiungibile
A volte fa delle battute che capisce solo lui




Chi preferite dei due? Votate pure!
Ps: Se avete proposte per il prossimo scontro sono ben accette :)

Commenti

  1. Altro pro per Robert: Nessuno odia twilight più di lui XD

    Comunque il mio amore e la mia fedeltà rimangono al bellissimo Eddy! E'...è troppo *muore*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' vero povero Rob, si vedeva durante le promozioni che gli piangeva il cuore!

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

"Perché a noi la qualità ci ha rotto il cazzo": "I Medici 2" e la morte dell'ambizione

"A noi la qualità c'ha rotto er cazzo! Viva lammerda!" Con questo grido immortale René Ferretti, indimenticato protagonista di Boris, definiva la filosofia di buona parte (sempre un po' meno, fortunatamente) della fiction prodotta in Italia. È una rivendicazione che mi è tornata prepotentemente in mente mentre, incredula, assistevo al susseguirsi di episodi della seconda stagione di Medici.
I primi due, lo ammetto, mi avevano lasciata cautamente ottimista pur non mancando di qualche difetto. Il vero problema è che nel corso delle settimane quei difettucci si sono ingigantiti fino al grottesco, divorando il poco che c'era di buono (ovvero Contessina e Marcobèllo, le location, un certo e vago qual senso di storicità, l'energia ggiovane del cast). Avevo, nello scrivere quel post, preannunciato che sarei certamente tornata a parlare di quel che in Medici 2non funzionava, e lo farò adesso entrando quanto più possibile nel dettaglio. Devo però iniziare con un verd…

Il cuore lontano dai pensieri: Skam Italia, il remake che convince quando tradisce l'originale

"La serie TV più amata del 2018? È su TIMVISION". A che blasonato titolo d'oltreoceano avete pensato se avete ricevuto questa email lo scorso 22 dicembre? Io a The Handmaid's Tale, dramma distopico fortemente imbevuto di zeitgeist anch'esso distribuito dal servizio on demand di Tim. E invece sorpresa: si trattava di Skam Italia, storia teen di cui molti abbonati non avranno nemmeno sentito parlare, ma che (informava il corpo del messaggio) era stata "eletta miglior serie tv del 2018 da un sondaggio promosso dal Corriere della Sera".


Qui andrebbe fatta una onesta e piccola precisazione: è evidente che un sondaggio online poteva solo soccombere sotto i colpi di click del giovanissimo fandom di questo show, un'armata praticamente invincibile per dimestichezza col web, organizzazione e dedizione. Ma questo non vuol dire che Skam Italia non meriti di essere considerato con una certa attenzione: si tratta infatti di un prodotto che già aveva una sua dign…

"Who watches tv on tv anymore?": Gossip Girl sbarca su Netflix ed è il vero Black Mirror

Qualche mese fa letto in un articolo che non saprei rintracciare che la sua presenza su Netflix in svariati paesi (da ieri anche in Italia) stava contribuendo a far conoscere Gossip Girl alle nuove generazioni. La cosa mi aveva dapprima stranita, poi quasi offesa: quanti anni credevano che avessi quelli lì, borbottavo tra me e me infilandomi la dentiera? Gossip Girl non era forse finito per sempre da tipo pochi mesi, massimo anni (cit.)?

È bastato qualche minuto per rendermi conto che, effettivamente, il teen drama di Josh Schwartz e Staphanie Savage aveva fatto il suo esordio nel 2007, che nel 2018 era già il corrispettivo di un intero ciclo di liceo più un corso di laurea in Medicina. Senza contare che nei sei anni in cui è andato in onda io ero già leggermente più attempata del suo demographic di riferimento, e infatti avevo spesso una soglia di sopportazione molto bassa nei confronti delle sue trame e sottotrame. 
A chi è vissuto sotto una roccia nutrendosi di solo Breaking Bad p…