Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Ottobre, 2018

Il secondo atto dei "Medici" tra risate omeriche e graditi ritorni

Diciamo la verità, in questi mesi noi patiti di period drama siamo stati un po' preoccupati per I Medici. Tutta colpa dell'exploit della prima stagione, mandata in onda da RaiUno nell'autunno 2016: il cast annoverava un premio Oscar e una superstar di Game of Thrones e co-lead della Cerentola di Branagh, che era una ruffianata come un po' tutto ciò che Branagh sta facendo ultimamente ma rimaneva pur sempre un filmone Disney. Le quattro serate erano filate lisce come l'olio toscano, la critica non aveva esattamente gridato al miracolo ma il pubblico (giovane) era andato in visibilio, la cupola del Brunelleschi aveva raggiunto una popolarità mai vista dal suo completamento nel 1471 e, cosa che non guasta, una volta tanto abbiamo fatto una serie tv non completamente inguardabile che non trasformava un personaggio storico in un santino miserevole e senza macchia ad uso e consumo di pensionati immalinconiti dalle carlocontate.
Ma allora quale sarebbe stata la colpa di

Il mortale Iron Fist

L'imponderabile è avvenuto nel mezzo di un autunno fin troppo caldo, il 12 ottobre dell'anno del Signore 2018: Netflix ha cancellato una serie Marvel dopo due sole stagioni. In tempi migliori, ovvero da quando Daredevil ha fatto il suo debutto nell'aprile 2015 al momento in cui i meno noti ma rispettabilissimi Jessica Jones e Luke Cage hanno sorpreso col loro, queste collaborazioni della strapotente piattaforma streaming statunitense con Disney/ABC erano state un clamoroso successo di pubblico e critica, una gallina dalle uova d'oro, una rinascita del genere fumettistico in chiave realistica e dark. Un pacchetto di comic book show, insomma, che quasi non avevano l'aria di esserlo e che proprio per questo erano apprezzati da un pubblico esigente e trasversale. Aiutava anche una certa patina di impegno, di diversità: Matt Murdock è cieco, Jessica Jones è una donna il cui intero show gioca sull'allegoria dello stupro e del consenso anticipando il #metoo, Luke Cag…