Passa ai contenuti principali

Due clown di passaggio?


La notizia è ormai nota: Peer Steinbrueck, candidato cancelliere della Spd, ha commentato i risultati delle ultime elezioni italiane dichiarandosi "inorridito" dalla vittoria di "due clown" (nemmeno troppo velato riferimento non solo al comico Grillo ma anche a quello non ufficiale, Berlusconi, sulla cui identificazione ogni dubbio è stato fugato quando lo si è specificato "guidato dal testosterone").
Inevitabile l'incidente diplomatico, con un feritissimo Napolitano che quasi in lacrime che annullava l'incontro col politico teutonico e chiedeva rispetto per l'Italia.

Steinbruek, pare, è un gaffeur professionista, ma non basta avere una carriera costellata di uscite infelici per cancellarne una che brucia. Quando ho sentito la notizia al telegiornale ero con un'amica che aggiungeva "Diciamo anche tre clown". Qualcuno ha anche protestato che quella del clown è una professione onorevole che richiede preparazione e sacrifici; mentre i compatrioti del candidato cancelliere lo hanno redarguito (più o meno) in base al principio che certe cose si pensano ma non si dicono. Ecco il punto. Lo pensano tutti.

Peraltro è noto che la Germania non ci ama: Berlusconi con le sue battute sul sedere della Merkel,  i suoi cucù e il celebre episodio del kapò, per loro, fanno l'italiano medio quanto il comandante Schettino . E il fatto che lo stesso Berlusconi non abbia per un pelo rivinto le elezioni anche dopo questo siparietto inverecondo dovrebbe ben dirci che ci sono molti italiani che, se non sono come lui, quantomeno lo ritengono adatto a governare e rappresentare il nostro Paese all'estero (quindi anche agli occhi di Steinbrueck).

Il problema è che, per quanto possiamo riconoscere i limiti e le lacune del nostro Paese e di chi lo abita, ugualmente il nostro orgoglio, quand'è offeso, ne risente. L'Italia è un po' la mamma: noi possiamo lagnarcene quanto ne vogliamo ("L'Italia bellissima? E' il secondo Paese più corrotto d'Europa dopo la Grecia! Siamo sull'orlo del fallimento! Siamo bugiardi e scialacquatori, ignoranti, rozzi, caproni attaccati alle partite di pallone! Vuoi mettere la Svizzera?"), ma poi guai a chi ne parla male. Le offese solleticano il nostro orgoglio patrio, generalmente addormentato di un sonno assai pesante. Clown? Siamo il Paese di Michelangelo e  Da Vinci, va bene, brutti parrucconi?

E chi non ha la possibilità di spiegarlo può sempre citare a denti stretti il buon René.

Commenti

Post popolari in questo blog

"Perché a noi la qualità ci ha rotto il cazzo": "I Medici 2" e la morte dell'ambizione

"A noi la qualità c'ha rotto er cazzo! Viva lammerda!" Con questo grido immortale René Ferretti, indimenticato protagonista di Boris, definiva la filosofia di buona parte (sempre un po' meno, fortunatamente) della fiction prodotta in Italia. È una rivendicazione che mi è tornata prepotentemente in mente mentre, incredula, assistevo al susseguirsi di episodi della seconda stagione di Medici.
I primi due, lo ammetto, mi avevano lasciata cautamente ottimista pur non mancando di qualche difetto. Il vero problema è che nel corso delle settimane quei difettucci si sono ingigantiti fino al grottesco, divorando il poco che c'era di buono (ovvero Contessina e Marcobèllo, le location, un certo e vago qual senso di storicità, l'energia ggiovane del cast). Avevo, nello scrivere quel post, preannunciato che sarei certamente tornata a parlare di quel che in Medici 2non funzionava, e lo farò adesso entrando quanto più possibile nel dettaglio. Devo però iniziare con un verd…

Il secondo atto dei "Medici" tra risate omeriche e graditi ritorni

Diciamo la verità, in questi mesi noi patiti di period drama siamo stati un po' preoccupati per I Medici. Tutta colpa dell'exploit della prima stagione, mandata in onda da RaiUno nell'autunno 2016: il cast annoverava un premio Oscar e una superstar di Game of Thrones e co-lead della Cerentola di Branagh, che era una ruffianata come un po' tutto ciò che Branagh sta facendo ultimamente ma rimaneva pur sempre un filmone Disney. Le quattro serate erano filate lisce come l'olio toscano, la critica non aveva esattamente gridato al miracolo ma il pubblico (giovane) era andato in visibilio, la cupola del Brunelleschi aveva raggiunto una popolarità mai vista dal suo completamento nel 1471 e, cosa che non guasta, una volta tanto abbiamo fatto una serie tv non completamente inguardabile che non trasformava un personaggio storico in un santino miserevole e senza macchia ad uso e consumo di pensionati immalinconiti dalle carlocontate.
Ma allora quale sarebbe stata la colpa di